Generic placeholder image

US Pro Daro






-
Generic placeholder image

FC Camorino



Venerdì 04.09.2015


Reti:

Ricardo De Freitas

Marco Buyukdag



Miguel Custodio:
90 minuti

Un'altra partita priva di sbavature! Non può nulla sulla reta avversaria e l'occhiataccia che dà a Gioele al momento dell'autorete vale più di mille parole! Unica "pecca" il fatto che rimane troppo attaccato all'area dei 5! Dal suo piede parte tuttavia il lancio per la rete dell'1-0, nell’hockey sarebbe un assist in seconda, nel calcio conta come il due di picche a livello statistico e quindi non verrà ricordato negli annali...
NUMBER ONE


Damiano Savoia:
45 minuti

Rispetto alla prima partita è più timidino e si fa vedere meno! Effettua un cross che arriva più vicino alla buvette che al centro dell’area di rigore... Soffre un po' la velocità degli avversari anche se non si fa mai sorprendere. Il primo tempo sottotono dei compagni lo ingloba e lo innervosisce.
RUVIDO


Gioele Janett:
90 minuti

Per quelli che l'avevano al fantacalcio giornata da dimenticare! Primo tempo sottotono, soffre, assieme a Borto, la fisicità degli avanti avversari! Spiazza Miguel per la rete ospite e non riesce mai ad andare in anticipo, effettua molti lanci invece di giocare palla a terra e anche la manovra ne risente! Nel secondo tempo tutt'altra musica! Esce dallo spogliatoio con un altro piglio e torna ad essere il Gioele che tutti conoscono!
SMEMORATO


Marco Bortone:
55 minuti

Particolarmente nervoso prima dalla partita, per motivi ai più sconosciuti, porta in campo questa sua sofferenza. Torna a ricoprire la sua originale posizione, ovvero quella di difensore centrale, ma fatica a trovare i giusti tempi nella marcatura degli attaccanti del Camorino. Come il suo compagno di reparto Gioele fatica a far partire l'azione. Nel secondo tempo molto meglio pure lui, tuttavia, a causa di un cartellino giallo discutibile, costringe l'allenatore a sostituirlo.
CHIARO/SCURO


Simone Janett:
49 minuti

Come il fratello, anche per lui, è stata una di quelle classiche giornatacce... Spinge poco e sembra avere timore degli avversari sbagliando anche qualche passaggio di troppo. Purtroppo per lui non vi è la chance di giocare pure la ripresa per riprendersi e sfoderare l'abituale partita da 6.5 in pagella. Forse due partite senza i cugini "ultras" che intonano il "Laudato sii, o mi Signore" sono troppe!
OPACO


Ricardo Carvalho:
90 minuti

Croce e delizia della squadra, primo tempo con diversi ottimi spunti (vedi assist per la prima rete) ma anche qualche parolina di troppo che a volte può creare nervosismi inutili. Spostato terzino nella ripresa dimostra, se ancora ce ne fosse bisogno, di avere una capacità di corsa mostruosa. Diventa un attaccante aggiunto e, grazie alle sue sovrapposizioni, crea superiorità numerica e maggiori pericoli in attacco (vedi assist per la terza rete). Borbottasse un po' di meno sarebbe il leader (scusa Ippo) indiscusso della squadra, siamo convinti che lo sarà presto!
DR JEKYLL E MISTER HYDE


Andrea Giambonini:
90 minuti

Aveva saltato la prima partita per recarsi in Francia per un matrimonio di un suo parente norvegese. Beh, che dire, al nostro Giambo piace fare km… Oltre ad averne fatti al matrimonio, non abbiamo dubbi a riguardo, ne ha fatti molti anche in campo nella sfida odierna. Ha faticato un po' nel primo tempo a trovare la posizione, nella ripresa, tuttavia, ha saputo sfoderare tutta la sua abilità di palleggio e di impostazione (grazie soprattutto al cambio di ruolo). Ci auguriamo che nella partita contro il Carasso si ripeta, magari ritrovando anche la via del gol!
THE VOYAGER


Alessandro Rebozzi:
75 minuti

Partita magistrale del folletto biondo! Sfodera tutta la sua tecnica e la sua dinamicità! A volte non sembra nemmeno lui, soprattutto quando va a dire ai compagni di non reclamare e di stare tranquilli. Se non fosse che il suo classico giallo se lo è preso, e che si mangia un gol clamoroso di testa ad un centimetro dalla porta, sarebbe il migliore in campo.
RIVELAZIONE


Ricardo De Freitas:
88 minuti


Altra partita di spessore del lusitano, questa volta condita con 2 reti di pregevole fattura. La prima seguendo l'azione di contropiede imbastita da Custodio, proseguita da Carvalho e finalizzata appunto dal Rui Costa della Pro Daro e la seconda con un’azione personale conclusa con un tiro forte e preciso. Peccato che per le prossime due partite sarà assente, altrimenti ne avremmo viste delle belle nel "suo" derby di sabato.
MAN OF THE MATCH


Leonardo Dos Santos:
61 minuti

L'eroe dell'ultima partita sta volta si prende una piccola pausa… dal gol! Lotta su e giù per la fascia dimostrando ancora, a chi non lo avesse mai visto giocare, che dispone di una tecnica più che invidiabile. Colpito violentemente alla gamba ad una decina di minuti dalla fine del primo tempo, rientra in campo nella ripresa pronto a far ammattire gli avversari.
FUNAMBOLO


Filippo Bianchini:
33 minuti

33 minuti di sacrificio, corsa e qualità! Recupera diversi palloni importanti e riparte di gran carriera in molte occasioni con le sue finte di corpo che disorientano gli avversari. Peccato per l'infortunio che lo costringe all'uscita prematura dal campo; forse aveva sentito che le birre stavano sempre più per scarseggiare ed ha trovato la soluzione più veloce per non restare senza.
ASSETATO


Federico Pagnoncelli:
57 minuti

Entra a freddo per sostituire Filo a poco più di una decina di minuti dalla fine del primo tempo. Nonostante i pochi allenamenti nelle gambe è in una forma fisica strepitosa. Tecnicamente niente da dire, si intestardisce a volte in qualche dribbling di troppo quando potrebbe solamente scaricare al compagno dietro di lui... Quel giorno che capirà che prendere 100 botte in una partita alla lunga peseranno sul corpo, imparerà a farlo sicuramente! Quando gioca sembra avere le ali ai piedi!
FALCO


Pascal Gallo:
45 minuti

La frase più frequente all'esterno del rettangolo verde alla fine del primo tempo è stata "chi ha spento la luce? Come si fa a giocare in questa oscurità?". Beh ad accendere la luce ci ha pensato senza ombra di dubbio il nostro Pasky; 45 minuti pazzeschi che hanno cambiato completamente l'inerzia di una partita fin lì equilibrata (perlomeno nel punteggio). Gioca di sciabola e fioretto contemporaneamente sradicando palloni agli avversari per poi servirli con precisione ai suoi compagni. Che dire...
CHAPEAU


Marco Buyukdag:
45 minuti

Come smentire una pagella in soli 7 giorni, da un venerdì con l'altro, senza nemmeno un allenamento all'attivo, si dimostra rigenerato. Segna il gol del KO dopo un'azione da manuale con una semplicità disarmante. Corre su tutti i palloni cercando di aiutare i compagni nel far salire la squadra. Spostato negli ultimi minuti nell'inedito ruolo di centrocampista centrale, si dimostra di essere all’altezza della situazione.
TRASFORMERS


Ivan Jurcevic:
35 minuti

"Ob solum punctum caruit Martinus Asello" ovvero "per un punto Martin perse la cappa"... nel nostro caso invece della cappa, Jurce, per una scelta tecnica ha perso la fascia ©. Tenuto precauzionalmente a riposo per la partita del 15 novembre a Lodrino, con conseguente abdicatura al ruolo di Capitano, il nostro marcantonio difensivo entra in campo da vero leader. Non sbaglia niente e riesce a calmare la manovra senza soffrire gli avanti avversari. Questa volta evita di giocare a pallamano e di conseguenza evita il cartellino.
MISTER “C


Matteo Giollo:
42 minuti

Valore aggiunto, ecco come lo si può definire in questo avvio di campionato! Gioca gli ultimi scampoli del primo tempo e quasi tutta la ripresa con un’autorità che l'anno scorso non si è vista. La facilità di come esce palla al piede in mezzo a 4 avversari, in una fase di gioco del secondo tempo, è uno spettacolo per gli occhi. A volte però esce la sua eccessiva foga che lo porta a fare errori elementari. Riuscisse solo a chiudere la bocca e brontolare meno siamo certi che di questo passo sarà la rivelazione della squadra.
DOPATO


Patrick Gada-Barenco:
0 minuti

E anche questa volta il tecnico di Artore riesce a combinarne una delle sue… Sta per iniziare il secondo tempo, manca poco al calcio d'inizio e che succede?? Ci sono 12 neroazzurri in campo! Fortunatamente un membro dello staff se ne accorge e il mister toglie dal campo un giocatore prima del fischio d’inizio salvando la partita… Sapevamo che la categoria superiore comportasse maggiore stress, ma non pensavamo fino a questo punto! Non mollare mister!!
INDISCIPLINATO


Rete
Assist
Rete subita
Cartellino giallo
Cartellino rosso
Stella oro (3 stelle: miglior giocatore, 2 stelle: secondo miglior giocatore, 1 stella: terzo miglior giocatore)
Stella nera (peggior giocatore dentro o fuori dal campo)